Fotovoltaico in nero, 564 lavoratori ‘Tecnova’ irregolari

QuattroStelle

BRINDISI  –  Oltre 500 degli 800 operai della ‘Tecnova’, società spagnola  operante nel fotovoltaico cui si deve la realizzazione di 13 parchi nelle province di Brindisi e Lecce, non hanno mai avuto una regolare posizione a livello contributivo.

E’ quanto è emerso dall’indagine che il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Brindisi, nucleo tributario, ha condotto negli ultimi 2 anni.

In totale, sarebbero ben 329 i lavoratori in nero e 235 quelli irregolari.

Inoltre, i contributi INPS evasi dall’azienda ammonterebbero a circa mezzo milione di euro.

Numeri e cifre da capogiro che danno la giusta misura di quello che è stato il lavoro degli operai più volte in protesta davanti alle Prefetture, in un disperato grido di disperazione e aiuto.

Quest’ultima indagine, rappresenta l’ultimo tassello in ordine di tempo dell’inchiesta che, nell’aprile del 2011, portò all’arresto di 15 persone riconducibili all’attività della società spagnola.

Dirigenti  e imprenditori accusati,  a vario titolo  dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce dei reati di associazione per delinquere, riduzione e mantenimento in schiavitù, estorsione, favoreggiamento della condizione di clandestinità di cittadini extracomunitari, truffa aggravata ai danni dello Stato.

A maggio dello stesso anno, però, il Tribunale del Riesame rigettò l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù, disponendo la misura degli arresti domiciliari per gli indagati. Ora, questa nuova indagine, le cui risultanza potrebbero aprire nuovi filoni di inchiesta.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*