C’è la crisi? La campagna elettorale si fa su Facebook

Facebook

BRINDISI   –  La campagna elettorale, ai tempi della crisi, si fa su Facebook. E anche i candidati brindisini al Parlamento non fanno eccezione. Addio all’invasione di manifesti, santini e volantini. Troppo costosi.

Forse persino inutili. Sicuramente, troppo costosi.

E così, tutti sui social network dove, a costo zero, è possibile raggiungere una bella fetta di elettori potenziali.

Uno dei più attivi, a dispetto dell’età, è l’ex Senatore Euprepio Curto. Il buon Uccio alla Camera per FLI, aggiorna costantemente il suo profilo, tra foto di supporters, convegni, comizi e pillole di saggezza politica. “Pochi giorni al voto. Sono sereno. In qualsiasi caso sarà un successo. Vivo questo particolarissimo momento senza angoscia alcuna. E ripeto il mio personale convincimento: la partita non è priva di difficoltà, ma il risultato pieno – scrive Curto –  si può sicuramente raggiungere”.

Più nazional-popolare il candidato alla Camera di MIR Tony D’Amore che, tra simboli, loghi, appuntamenti, si affida persino alla comicità. E così, ecco spuntare sul suo profilo persino l’indimenticabile Totò.

Pietro Iurlaro, candidato al Senato per il PDL, punta tutto sul motivare i suoi fedelissimi. Tra appelli al voto e inni al presunto recupero del Centrodestra, il Consigliere regionale sprona i suoi amici prendendo spunto dal gladiatore Russell Crowe.

Elisa Mariano, quota rosa brindisina nella lista alla camera del Partito Democratico, non lesina invece frecciatine al popolo di Centrodestra, linkando il filmato della baraonda al comizio di Berlusconi in quel di Milano.

Sembrano tutti degli invasati, scrive la democratica. Mentre il suo collega Salvatore Tomaselli, per il PD,  si chiede: “In un paese normale la notizia politica del giorno quale sarebbe tra i 100.000 che hanno riempito Piazza Duomo a Milano per Ambrosoli, Vendola e Bersani o il rifiuto di quel comico urlante di Grillo a farsi intervistare in tv???”.

E mentre per i grillini si punta tutto sulla figura del leader Beppe, in SEL il punto di riferimento resta Nichi Vendola, onnipresente sulle bacheche di Claudia Zezza, candidata al Senato, e Tony Matarrelli, per la Camera, nelle liste di SEL.

Costo delle operazioni? Praticamente nullo! Ai tempi della crisi, tutti su Facebook.