La moglie di Vantaggiato sceglie il silenzio

BRINDISI –  Capo chino, nessuna voglia di parlare né, tantomeno, di farsi immortalare da flash e telecamere. Tanto che il Presidente della Corte d’Assisi di Brindisi, Domenico Cucchiara, ha dovuto chiedere a Giuseppina Marchello, moglie del 68enne di Copertino Giovanni Vantaggiato, di scoprire il volto nascosto da sciarpa e cappello.

La quinta udienza del processo a carico dello stragista reo confesso è iniziato così, tra la richiesta dei Giudici e un “per favore” sussurrato dalla donna, in evidente imbarazzo, che alla fine si è comunque fatta identificare.

Subito dopo, la Marchello si è avvalsa della facoltà di non rispondere garantita dallo status di moglie dell’indagato. Quindi si è alzata e da sola, così come era arrivata, è andata via.

Un atto dovuto, quello della presentazione, ma sarà difficile rivedere la moglie di ‘Vanni’ nuovamente in aula. Davanti alla Corte, chiamati a testimoniare dall’accusa, anche Francesca Pietrafitta, che assieme al teste Antonio Lioce si trovava in auto nei pressi del piazzale della scuola attorno all’1,30 del 19 maggio.

La donna è stata chiamata a contribuire all’identificazione del misterioso uomo che, la notte tra il 18 e il 19 maggio, fu notato mentre spostava un cassonetto davanti all’ingresso della ‘Morvillo Falcone’.

Secondo la teste, la figura non è compatibile con la fisionomia di Vantaggiato. E pertanto resta ancora aperto il mistero sulla presenza o meno di un complice.

In aula anche Aurora Radeglia, un’altra delle ragazze ferite dall’esplosione dell’ordigno. “E da quel giorno – ha detto la povera giovane al Giudice – io non dormo più”.

Nel ricordo di una tragedia che, udienza dopo udienza, torna alla memoria in tutte le sue più drammatiche sfaccettature.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*