Rizzo scrive a Cesa: “Intervenire sull’UDC provinciale”

Pasquale Rizzo

S.PIETRO VERNOTICO  (BR)  –   “Caro Cesa ti scrivo, per accusare un po’”. E il mittente è il Sindaco di San Pietro Vernotico Pasquale Rizzo che, con una missiva anima e core, indirizzata al Segretario nazionale dello scudocrociato Lorenzo Cesa, attacca senza mezzi termini i maggiorenti provinciali dell’UDC.

Il primo cittadino, anche candidato alla Camera per il partito di Casini, ne ha per tutti.

Per Ferrarese e i suoi ‘Yes Man’, per Argese, per Rollo.

Tutti colpevoli, a vario titolo, di errori gravissimi, capaci di mettere alla berlina il partito.

In primis, Rizzo avverte la necessità di prendere le distanze dal Segretario provinciale Argese, “Di fatto Segretario di Noi Centro – puntualizza il Sindaco –  mascherato da UDC. Abbiamo fatto ridere tutta la provincia (e non solo) con affermazioni del tipo “l’UDC nazionale non ha inserito in posto utile in lista Ferrarese perché si è costituito parte civile contro Enel”: che danno all’immagine del partito che, secondo Argese, è assimilabile al ‘partito del carbone’”.

Dimentica Argese – scrive Rizzo –  che lo scrivente è tra i candidati, si è costituito parte civile contro Enel e già a febbraio 2012 aveva deliberato in giunta le azioni civili e penali contro Enel”.

Poi, la faccenda Province. “Che dire del gravissimo danno inferto al territorio da Ferrarese con le sue dimissioni, lasciando la Provincia in una gestione commissariale dall’ottobre dello scorso anno sino al dicembre del 2013, volendo lasciar passare il messaggio (ridicolo), che solo Ferrarese a Roma avrebbe potuto difendere quel territorio (dopo averlo abbandonato). Risultato: Roma lontana e Provincia senza guida politica!”.

Poi è il turno del Presidente del consorzio ASI. “ Mi aspetto che, vista la visione personale della politica di chi decide in UDC, qualcuno mi proponga di votare per il PDL al Senato: mi risulta – ironizza Rizzo – che qualora sia eletto il Consigliere regionale Iurlaro candidato al Senato, il primo dei non eletti in Regione è l’attuale Presidente di UDC e fido consigliere di Ferrarese, Marcello Rollo, che diverrebbe Consigliere regionale: tanto il partito viene sempre dopo le aspirazioni personali di qualcuno”.

A questo punto, dopo un’altra lunga serie di frecciatine, il Sindaco furioso chiede un intervento alla Segreteria nazionale.”Poco importa alla opinione pubblica ciò che gli stretti collaboratori di Ferrarese gli abbiano consigliato di fare, ma ritengo – chiosa Rizzo – che il tutto debba essere ben valutato dalle dirigenze nazionali del Partito cui la presente viene inoltrata anche all’esito del comportamento elettorale dagli stessi assunto!”.