Emergenza carceri, Alfonso Papa visita i detenuti

cella

BRINDISI    –    Carcere di Brindisi, rimandato. Come tutte le carceri di un Italia dove il problema detenuti continua a tenere banco. Continua, meglio, ad esistere in barba ai richiami dell’Europa. L’On. ex PDL Alfonso Papa, accompagnato dal Radicale Sergio D’Elia, Segretario dell’Associazione ‘Nessuno tocchi Caino’, hanno fatto visita alla Casa circondariale di via Appia.

Una presenza, la loro, anche e soprattutto simbolica.

Per Papa, soprattutto. Primo parlamentare della storia repubblicana a finirci lui stesso, in una cella.

Papa e D’Elia, questa la promessa, continueranno a battersi per i diritti umani dei detenuti.

Che, anche a Brindisi, come in tutta Italia, vivono in situazioni di degrado e sovraffollamento.

A margine, anche l’attività informativa nei confronti dei detenuti per i loro diritti.