Il Lecce vince facile contro la Tritium

Tritium-Lecce  0-3

 LECCE  –   Il Lecce passa a Monza senza soffrire. La squadra giallorossa centra la seconda vittoria consecutiva della gestione TomaIl successo contro la Tritium è anche la prima della stagione in Lombardia,dove Giacomazzi e compagni avevano rimediato brutte figure contro Lumezzane e Salò.

Partita senza affanni per la formazione di Toma, contro un avversario nettamente inferiore sul piano tecnico.

Tatticamente la formazione lombarda è durata neanche un tempo. Nel 2° tempo i ritmi si sono abbassati, la Tritium non è riuscita a creare pericoli e il Lecce ha gestito l’incontro abbassando volutamente il proprio baricentro.

Nessun tiro in porta da parte di entrambe fino al gol di De Rose, il terzo della partita. Il Lecce ha difeso il primo posto conquistato una settimana prima contro il Treviso. Per la prima volta in questa stagione il Lecce vince in Lombardia difendendo il primo posto ritrovato sette giorni prima.

Da Cuneo arriva la pronta risposta del Trapani, vittorioso 1-0.

Il tecnico Toma, rispetto a domenica scorsa, deve rinunciare a Benassi e Di Maio. In difesa preferisce Vanin e Vinicius a D’Ambrosio e Martinez. In attacco Pià è regolarmente in campo e dal primo minuto c’è Chevanton e non Jeda.

L’attaccante uruguaiano si mette subito in luce al 2′, ma la sua conclusione è fuori. I padroni di casa lanciano un segnale forte (3′) con Roberto Bortolotto fermato in uscita da Petrachi. Al 16′ cambio forzato in casa giallorossa: Toma richiama Vanin (infortunato) per D’Ambrosio.

Il Lecce, al 22′, sfiora il vantaggio: dalla destra Chiricò pesca in area Pià, il destro del brasiliano colpisce la base del palo, ma la squadra giallorossa guadagna un corner sugli sviluppi del quale il Lecce passa: la traiettoria è disegnata da Chevanton, corretta da Vinicius e finalizzata da Giacomazzi.

E’ il 23′ e il Lecce è in vantaggio.

Nenanche il tempo di spegnere i fuochi per il gol che la Tritium ha la possibilità di pareggiare grazie al calcio di rigore che ottiene per il contatto tra Grandolfo e Petrachi, il portiere aveva respinto una un tiro di Bortolotto. Sul dischetto si presenta Grandolfo e Petrachi intercetta e respinge il pallone calciato dall’ex barese.

Al 26′, l’arbitro, Intagliata di Siracusa, indica stavolta il dischetto in area lombarda dopo il fallo commesso ai danni di Pià. A calciare la massima punizione è Chevanton (27′) che spiazza il portiere, 2-0 per i giallorossi.

Nonostante le attenzioni dell’avversario Chiricò si muove bene sulla sua corsia (30′), ma il sinistro a giro è parato a terra da Paleari mentre dalla parte opposta (35′) Petrachi si deve avventurare in un’altra uscita per fermare Arrigoni.

Il Lecce non rinuncia a qualche lancio per scavalcare il folto centrocampo avversario, ma c’è spazio anche per qualche bel fraseggio come al 41’quando Giacomazzi innesca Chevanton, ma l’attaccante viene anticipato. Il rigore sbagliato ha avuto effetti negativi sulla Tritium, Monacizzo (salentino di Nardò), al 41′ prova dalla distanza, ma la conclusione è centrale.

Nel 2° tempo, alla Tritium non riesce nulla per riaprire la partita, il Lecce non ha interesse ad aumentare i ritmi. Così la partita scorre via, senza sussulti e tanta noia. Al 7′ Toma richiama Pià (infortunato) per De Rose. Nella Tritium, al 1′, Casiraghi aveva rilevato Monacizzo.

Al 16′ tra i lombardi entra Chinellato per Grandolfo. Al 25′ Chevanton lascia il campo per Jeda.

Al primo dei tre minuti di recupero il Lecce trova il terzo gol: Chiricò lancia De Rose, il centrocampista supera il portiere e deposita il pallone in rete, 0-3. Il centrocampista (come dichiarerà in sala stampa) ha dedicato il gol al padre Giuseppe, scomparso di recente.

Nel prossimo turno il Lecce affronterà il Como, nel posticipo della sesta di ritorno in programma lunedì al ‘Via del Mare’.

 

 

Commenti

  1. marco scrive:

    E’ la prima partita vinta con 3 gol di scarto. Finalmente! Ma attenzione perchè c’è ancora qualcosa che non va, quindi non culliamoci sugli allori.