Evaso ai domiciliari, ritrovato moribondo in campagna

ospedale di Francavilla Fontana

FRANCAVILLA FONTANA (BR)  –  Ai domiciliari, ci era finito per aver aggredito e minacciato, lo scorso 22 luglio, una prostituta nigeriana abbordata sulla Statale 7.

Dai domiciliari è evaso, invece, nella giornata di venerdì per poi essere ritrovato, pestato e in fin di vita, sulla Provinciale 50 che collega la ‘città degli Imperiali’ con Villa Castelli.

Finisce nuovamente in manette il 38enne francavillese Vincenzo Begher, ora piantonato all’ospedale ‘Dario Camberlingo’ di Francavilla Fontana, dove è stato ricoverato per le ferite riportate, misteriosamente, durante la sua breve fuga. 

Secondo quanto riferito ai militari della Compagnia dei Carabinieri coordinata al Capitano Giuseppe Prudente, allertati da una segnalazione di un automobilista, l’uomo, prima di essere ritrovato sul ciglio della strada, sarebbe stato investito da una vettura.

Anzi, picchiato da 3 malfattori. Sono infatti due le versioni fornite ai militari, da parte dell’uomo in evidente stato confusionale, oltre che ricoperto di lividi e contusioni.

Sono tutt’ora in corso le indagini per stabilire l’esatta cronaca della ‘scappatella’ del 38enne, in manette la scorsa estate quando, armato di coltello da cucina lungo 27 centimetri e neanche un euro in tasca, aveva letteralmente terrorizzato una lucciola nigeriana abbordata sulla Brindisi-Taranto.

La donna, aiutata da alcuni passanti,aveva allertato le forze dell’ordine che, a stretto giro, acciuffarono Begher finito prima in carcere e poi ai domiciliari. Poi, venerdì, l’evasione e il pestaggio. Da parte di chi e per quale motivo, dovranno scoprirlo i Carabinieri.