Regionali: Emiliano alza la voce, Ferrarese pronto alle Primarie

Michele Emiliano

Michele Emiliano ribadisce la sua candidatura alla presidenza della Regione Puglia per il Partito Democratico, Sergio Blasi pronto a sfidare il Sindaco di Bari alle Primarie. Massimo Ferrarese a sorpresa: “Se l’UDC mi darà l’ok, io sono pronto a candidarmi alle Primarie del Centrosinistra”.

Nel Centrodestra, invece, ancora tutto in alto mare.

Il capitolo Regionali verrà presto affrontato, l’analisi del voto di fine mese detterà le strategie dei partiti. Il Partito Democratico, in Puglia, ha già il suo cavallo di razza: il Sindaco di Bari, in campo già da quando ha ufficializzato la nascita del suo movimento: ‘Emiliano per la Puglia’.

Contenitore disponibile ad accogliere tutti: dai Sindaci della Regione ai Centristi che strizzano l’occhio a sinistra, ma che non hanno voglia di essere marchiati con una sigla di partito. La benedizione di Massimo D’Alema c’è.

Ma Emiliano potrebbe dover fare i conti con l’eterno competitor in Puglia, all’interno del partito. Il Segretario regionale dei democratici, Sergio Blasi starebbe carezzando l’idea di sfidare Emiliano per la candidatura alla presidenza della Regione. Le Primarie non sarebbero più di coalizione, ma di partito.

E fra i democratici i nomi spuntano come funghi, oltre ai due big: Blasi ed Emiliano, c’è Guglielmo Minervini e con molta probabilità anche l’Assessore regionale alle opere pubbliche, Fabiano Amati. Ma è lo stesso Emiliano, a Cavallino per un’iniziativa elettorale, a stoppare tutti.

Nel Salento Emiliano starebbe continuando a lavorare sottotraccia, tessendo la sua tela. Ma se Blasi dovesse spingere per le primarie, il Sindaco non si tira indietro.

Oltre ai democratici a scaldare i motori per delle possibili Primarie di coalizione ci sarebbe Dario Stefàno, candidato al Senato per SEL e il colpo di scena potrebbe essere caratterizzato dalla discesa in campo di Massimo Ferrarese “non occorre bruciare le tappe – dice -. Per ora restiamo alla finestra aspettando l’esito delle politiche. Io sono in campo e sto costruendo la coalizione. Se l’UDC dovesse chiedermi di fare le Primarie sono pronto”.

Se Ferrarese scendesse in campo sarebbe il primo caso in Italia di un candidato centrista a fare le Primarie del Centrosinistra. La benedizione d’altro canto viene da Cesa in persona che lo ha indicato come il candidato Presidente per la Regione Puglia per il centro. La coalizione potrebbe essere quella di Centrosinistra costruita attraverso le Primarie.

Nel Centrodestra molto si capirà dopo le elezioni politiche. Varranno le Primarie di coalizione? Un candidato d’area c’è già: Francesco Schittulli. La sua coalizione potrebbe allargarsi attraverso le Primarie oppure il PDL calerà un suo nome? Cosa accadrà nel PDL, il partito resterà in piedi o se si frantumerà? Post 24 febbraio? Che Paolo Perrone, Sindaco di Lecce, abbia fra i progetti politici la candidatura alla presidenza della Regione Puglia, non è mistero.

Se questa dovrà passare dalla scalata all’interno del partito, attraverso la conquista del Coordinamento regionale, lo si capirà già da marzo. Marzo è alle porte, ma da qui al nuovo mese molti scenari potrebbero mutare, specie quando si capirà il peso elettorale di ogni singolo partito e movimento. Movimenti che potrebbero, all’indomani del voto, alzare la voce e dettare nuove condizioni all’interno del Centrodestra. Nel frattempo però la partita è fra i candidati alle Camere romane. Ultimo il confronto organizzato presso l’Hotel President a Lecce da ANDE.

Commenti

  1. gianni scrive:

    non é bastata al Salento l’esperienza nafasta vendoliana?…
    ora dopo otto anni di baricentrismo totale un altro soggetto baricentrico come emiliano?…ma per favore, che se lo votino a bari,noi votiamo chi al Salento ha dimostrato con i fatti di tenerci, certamente non il vendola della briciole lasciate al salento o l’emiliano che si preannuncia pure peggio…