Meloni contro il PDL: “Ex AN fuori, dentro soubrette e Scilipoti”

LECCE –   Giorgia Meloni lancia il suo affondo per contendere l’eredità degli ex AN ai numerosi pretendenti. Una parte, ovviamente, è andata in Fratelli d’Italia, la formazione capitanata dalla stessa Meloni e da Guido Crosetto; una parte, naturalmente, nel FLI di Gianfranco Fini.

Ma nella Puglia nella quale Tatarella sperimentò AN come contenitore dei moderati, l’elettorato ex AN guarda, com’è scontato, anche a Grande Sud di Adriana Poli Bortone ma – perchè no? – anche al MIR di Gianpiero Samorì e Paolo Pagliaro.

Senza dimenticare, però, che la maggior parte degli stati maggiori è rimasta dentro il PDL di Silvio Berlusconi. Proprio su quest’ultimo mira e spara la Meloni: “Nel PDL sono rimasti gli Stati Maggiori, non il popolo – attacca – anche perchè gli ex AN sono stati discriminati, alla fine dei conti e delle liste”.

In tour nel Salento, tra Bari, Lecce e Brindisi, la giovane leader di Fratelli d’Italia cerca di incarnare la parte del ‘Pierino’ dell’alleanza di Centrodestra. Ma poi lo dice chiaro: “Queste votazioni sono come Primarie interne, se il PDL prende più voti di noi, noi rivotiamo Berlusconi Premier”.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*