Crisi Laboratorio, resta il nodo azzeramento

Comune di Brindisi

BRINDISI  –   Fumata grigia nel vertice tra le forze di maggioranza del Comune di Brindisi, chiamate a trovare o quantomeno a provarci, un punto di incontro che resta sempre più distante. Le forze centriste restano, infatti, ancorate sulle posizioni originali.

E la fiducia al Sindaco Mimmo Consales che all’incontro non ha partecipato, resta condizionata al più volte richiesto azzeramento della giunta.

Senza questo passo, ritenuto fondamentale dai vertici di UDC e Noi Centro, non esistono margini di trattativa.

E il Laboratorio, lo ha spiegato il Segretario dello scudocrociato Ciro Argese a margine del comitato ospitato all’Hotel Internazionale, sarebbe destinato ad esplodere.

A distanza di qualche ora, questa posizione non è mutata. E lo strappo non solo resta, ma rischia addirittura di allargarsi. Se il sindaco Consales e il Partito Democratico continuano a prendere tempo, la novità emersa dal vertice arriva dal Partito Repubblicano e dal Consigliere Renna, che si sono detti favorevoli all’azzeramento.

Apertura in tal senso anche da parte di Impegno Sociale. E così, i democratici sono ora chiamati a riflettere sul da farsi. Le parti si riaggiorneranno mercoledì pomeriggio, quando il quadro, soprattutto per Consales, sarà più chiaro.

La strategia del Sindaco, infatti, sembrerebbe quella di prendere tempo e fare ‘campagna acquisti’ tra i partiti di Centro, garantendosi la maggioranza anche senza il sostegno degli uomini di Ferrarese. Questione di numeri, calcoli, un po’ di azzardo. Perché senza l’intesa, si va in Consiglio per chiedere la fiducia. E lì, in quella sede, potrebbe davvero succedere di tutto.