Stop all’inquinamento, il MIR lancia l’ossicombustione

Tony D'Amore

BRINDISI  –  Nell’ossicombustione la soluzione all’inquinamento atmosferico. Puntano su una tecnologia innovativa i Moderati in rivoluzione con l’obiettivo di rigenerare l’aria della zona industriale di Brindisi e creare un nuovo modello di sviluppo.

E’ dalla Sala Convegni dell’Hotel Orientale che il MIR lancia il sistema ideato e sperimentato a Gioia del Colle che a breve verrà conosciuto da vicino attraverso un sopralluogo.

Un  metodo messo a punto dalla ‘Itea spa’ che permette di convertire i sistemi produttivi abbattendo quasi completamente le emissioni in atmosfera.

Una tecnologia che fermerebbe le polveri sottili, i fumi tossici e che potrebbe essere applicata a gran parte degli impianti industriali di Brindisi, la Centrale di Cerano in primis, sottolinea Tony D’amore, candidato alla Camera.

Per il territorio, quindi, la grande opportunità di rilanciare il lavoro e tutelare la salute.

 Un nodo fondamentale per i Moderati In Rivoluzione che guardano al cambiamento.