CIG 2013, la speranza appesa al filo delle trattative

sede REGIONE PUGLIA

LECCE –  Quattro treni regionali cancellati, un ‘Freccia Argento’  e due ‘Freccia Bianca’ partiti rispettivamente con 75 e 40 minuti di ritardo. Sono gli effetti della manifestazione dei lavoratori in cassa integrazione che questa mattina, per richiamare l’attenzione pubblica sul problema della proroga degli ammortizzatori sociali,  hanno bloccato i binari della stazione di Lecce per oltre un’ora.

Il tutto mentre a Bari, è in corso da ore l’incontro tra sindacati e Regione Puglia per sciogliere il nodo del rinnovo della cassa per il 2013.

La speranza è appesa al filo delle trattative.

Il punto è che per il momento, alla Puglia, sono stati concessi 61 milioni di euro che bastano a malapena per prorogare la cassa per altri 30 giorni.

Nell’incontro si cercano soluzioni  che possano allungare il più possibile i tempi.

Il problema è che non tutti potranno rientrare in questa cifra, motivo per cui la platea dei lavoratori a cui concedere l’ammortizzatore sociale rischia di restringersi notevolmente.

Ad esempio, a rischio, sono i lavoratori delle aziende che già per due anni hanno usufruito della cassa.

Quanto alle mensilità di novembre e dicembre 2012, ancora da erogare, si attende che il Ministero sblocchi i pagamenti che la Regione ha già ordinato.

 

Commenti

  1. marco scrive:

    Per le aziende baresi in crisi c’è sempre una soluzione, per quelle salentine mai. Peggio per loro che hanno votato l'”orecchino”! che sta facendo strage del Salento.