Omicidio Romano, in due a processo e un abbreviato

tribunale lecce

LECCE  –  Si aprirà il prossimo 4 aprile, davanti ai giudici della Corte D’Assise di Lecce, il processo per l’omicidio di Roberto Romano, consumato il 24 marzo dell’anno scorso nell’abitazione della vittima, a Ruffano.

Si tratta di  Michele Espedito Valentini, 27enne di Supersano accusato di omicidio volontario e l’amico di Romano, in casa con lui quel pomeriggio, Dario Traversa, accusato di favoreggiamento.

Ha scelto, invece, di essere giudicato con rito abbreviato che si svolgerà il prossimo 18 aprile, il presunto complice di Valentini, Andrea Macagnino, accusato di concorso in omicidio.

L’udienza preliminare si è svolta nelle scorse ore davanti al Giudice Antonia Martalò.

Il rinvio a giudizio è stato richiesto dal Sostituto Procuratore Giovanni Gagliotta che, in udienza, ha sostituito il collega Giovanni De Palma, titolare delle indagini.

Secondo quanto accertato dagli inquirenti,  Valentini e Macagnino avrebbero raggiunto insieme l’abitazione di Romano. Il primo soltanto, però, sarebbe entrato. L’altro sarebbe rimasto fuori, con il motore dell’auto accesa.

Dopo una violenta discussione, la situazione sarebbe degenerata e il 27enne avrebbe esploso alcuni colpi di pistola nella stanza da letto della vittima, deceduta poi durante il trasporto in ospedale.

Nel corso del litigio, rimase ferito anche  Traversa, che però non collaborò con gli inquirenti per individuare i due complici. Il movente del delitto sarebbe da ricondurre ad una relazione clandestina che Valentini avrebbe intrattenuto con la moglie della vittima.

Il Collegio difensivo è costituito dagli Avvocati Francesco Vergine, Francesca Conte e Mario Coppola.