Ilva, nuovo ‘no’ della Procura allo sblocco dei prodotti

Giuseppe Vignola

TARANTO  –  No della Procura di Taranto all’istanza di dissequestro ‘vincolato’ dei prodotti finiti e semilavorati, presentata  solo 24 ore fa dai legali dell’Ilva. Nell’istanza, la vendita dei prodotti era finalizzata anche al pagamento degli stipendi. Ora spetta al GIP pronunciarsi.
La notizia arriva mentre il Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, è  in visita a Taranto.

Non si sblocca, dunque, il braccio di ferro tra  Governo e Magistratura.

”Noi abbiamo il dovere di applicare la legge e mi pare che la stiamo applicando”, ha detto il Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Lecce, Giuseppe Vignola, che assieme al Procuratore di Taranto, Franco Sebastio, ha incontrato il Ministro.

Poi, Vignola,  ha parlato anche  della  possibilità  di un ‘deposito cauzionale’  per sbloccare il prodotto.

Intanto, in fabbrica cresce l’ansia tra i lavoratori. Lo spettro è quello di un nuovo provvedimento di  cassa integrazione per 7- 8.000 tute blu.