Ferrarese e UDC, pace fatta in vista delle Regionali. Ex AN in fuga dal PDL

massimo ferrarese

BRINDISI  –  Ferrarese fuori dall’UDC? Pericolo scampato. Ferrarese resta, anzi, nell’UDC. E punta alla presidenza della Regione. Questo, a  parole. Nei fatti, tutto sommato, pure. Perché mentre il Coordinatore regionale Angelo Sanza assicura i rapporti ‘saldi’ tra lo scudo crociato e l’ex Confindustria, il Segretario provinciale Ciro Argese ritira le sue dimissioni dal Coordinamento provinciale precedentemente annunciate – fatti, appunto – e allo stesso tempo, nel corso di TrNews mattina, svela il perché di questa retromarcia.

Insomma, Ferrarese e i suoi uomini restano tutti nello scudo crociato. E il fatto che dal profilo di Ferrarese siano spariti, tra le varie foto, i riferimenti al partito di Casini rappresenta un caso.

Secondo alcuni, Ferrarese, fuori dai giochi in queste Politiche per ‘sua scelta’, starebbe meditando un ritorno in grande stile. Concorrere per la poltrona di Presidente della Regione Puglia nelle future Primarie che verosimilmente, saranno indette a  margine dei risultati elettorali di febbraio.

Sul fronte PDL, invece, se da un lato Luigi Vitali sposta a dopo il voto di febbraio, le dimissioni dalla carica di Coordinatore provinciale, restano confermate quelle del suo Vice, Livia Antonucci, anche lei ospite di TrNews mattina.

L’ex Segretaria, vicina all’area Saccomanno, è pronta a seguire il Senatore uscente nella nuova avventura in Fratelli d’Italia, evidentemente futuro nido degli ex AN delusi da un PDL che ora, almeno nel brindisino, sarà costretto ad affrontare un profondo rinnovamento.