S. Donaci: e ora il cane Tommy diventa ‘conteso’

sindaco serio

S.DONACI (BR) –  La sua storia ha fatto commuovere tutta Italia, ma adesso Tommy rischia di essere risucchiato dal vortice mediatico, diventando oggetto di una battaglia legale. Il cane pastore che ogni giorno aspetta in Chiesa il ritorno della sua padrona, morta due mesi fa, è al centro della contesa tra il figlio della signora Maria che vive a Lecco, e il Sindaco di San Donaci, Domenico Serio.

Da una parte, la volontà di Sebastian Mapelli di affidare il cane a un amico, dall’altra il primo cittadino che avendo preso a cuore la storia di Tommy, si oppone a questa soluzione.

“E’ un cane di quartiere, dell’intera comunità”, avrebbe spiegato il Sindaco ai Carabinieri intervenuti per l’affidamento del pastore tedesco. Da qui la diffida legale fatta recapitare al Sindaco, firmata dall‘Avvocato Raffaele Missere che incaricato da Sebastian, ha ribadito la necessità di portare Tommy in un ricovero sicuro, lontano dai riflettori.

E’ quanto sarebbe dovuto avvenire in mattinata, mentre Tommy girovagava nella piazza di San Donaci, circondato dai giornalisti.

Ma un gruppo di persone ha impedito che il cane venisse allontanato e quindi affidato alle cure della persona indicata da Missere. Alla base del gesto, secondo l’Avvocato, non ci sarebbe l’affetto nei confronti dell’animale, bensì un preciso interesse di ritorno d’immagine.

E davanti all’ipotesi di uno sfruttamento del pastore tedesco, persino il WWF cerca di capirne di più. Intanto cresce la curiosità delle televisioni nazionali: Canale 5 e Rai 1 dedicano uno spazio delle trasmissioni domenicali a Tommy, il cane famoso e conteso.