A Porto Cesareo rovinata la festa: qualcuno ha acceso la Focara in anticipo

Focara

PORTO CESAREO (LE)   –   Uno scherzo di cattivo gusto sicuramente, rivolto ad una comunità intera, quella di Porto Cesareo, che da giorni ormai come ogni anno, attendeva la serata di oggi per accendere la sua Focara.

Un falò che in quanto a misure è secondo solo a quello di Novoli  e che a questo è strettamente collegato: la domenica successiva all’accensione novolese infatti, da 30 anni a questa parte, Porto Cesareo accende la sua grande pira dedicata a S.Antonio.

Una festa religiosa e civile che, invece, qualcuno nel cuore della notte, ha deciso di rovinare dando fuoco alla Focara, con largo anticipo.

Immaginate la delusione dei cittadini al loro risveglio. La Focara, sistemata sul piazzale dello scalo d’alaggio a due passi dal molo, già fumava e le fascine erano già ridotte in cenere. Inutile ogni tentativo di recuperare qualcosa, della Focara non è rimasto nulla.

I primi ad essere avvertiti sono stati i Carabinieri della locale stazione che insieme a quelli della Compagnia di Campi Salentina ora stanno conducendo le indagini. Perchè sicuramente l’autore del gesto ha compiuto un reato.

Un atto vandalico, un danneggiamento ad un bene pubblico costruito con tanta fatica, realizzato dal Comitato Feste presieduto dal Parroco del paese Don Antonio Buttazzo.

Ma alla luce dei fatti recenti accaduti in città, come l’attentato allo stesso Sindaco Salvatore Albano, allora al gesto si potrebbe dare una lettura molto più grave: un avvertimento rivolto al primo cittadino come rappresentante di un’intera comunità, un vero e proprio attentato, quindi.

Ma le piste sono diverse e l’incendio potrebbe essere un dispetto, una ripicca, al Comitato Feste, il risultato di screzi precedenti.

Il Sindaco Salvatore Albano non l’ha certo presa bene: “Non era mai accaduto da 30 anni a questa a parte – commenta – è un atto contro l’intera comunità, siamo avviliti e increduli”.

La festa comunque continua, senza la tradizionale accensione ufficiale naturalmente, che probabilmente sarà rimandata di una settimana, se si riuscirà a ricostruire una nuova Focara.