Tanzarella torna in Comune, Ferrarese in azienda

Domenico Tanzarella

OSTUNI (BR)  –  Tanzarella torna a fare il Sindaco, Claudia Zezza scende in campo per sostenere la causa del grande capo Vendola, Uccio Curto si conferma invece, primo pugliese della lista FLI.

Ma il vero nodo, resta la candidatura di Massimo Ferrarese e la sua futura collocazione.

O tra le scrivanie delle aziende di famiglia, che “tornerebbe orgogliosamente a gestire in prima persona” o tra i banchi di Camera e Senato.

Nelle trattative, tutt’ora in corso, sarebbe sceso in campo persino Luca Cordero di Montezemolo, pronto a perorare la causa dell’ex Confindustria al cospetto di Pierferdinando Casini. Dall’entourage di Ferrarese, arriva una sola conferma.

Il leader di Noi Centro non accetterà la candidatura al terzo posto della Camera. Perché lo strappo si possa ricucire, quindi, restano due sole possibilità. La prima è che Ruggeri venga nuovamente spostato alla Camera, lasciando a Ferrarese la piazza numero due nel listone Monti. La seconda ipotesi, invece, è che Cesa rinunci alla candidatura nella Circoscrizione Puglia, lasciando a Cera il posto da capolista che permetterebbe all’ex Presidente della Provincia di Brindisi di salire in seconda posizione.

A Ostuni, Domenico Tanzarella, persa ogni possibilità di essere candidato nelle liste del PD dopo lo strappo tra democratici e socialisti, torna a fare il Sindaco. E ne ha per tutti: per Berlusconi, per il porcellum, per Tomaselli e Blasi, anche per i vertici regionali dei socialisti, incapaci di piazzare un pugliese nelle liste del Centrosinistra. E ringraziando chi ha sottoscritto la petizione ‘Tanzarella Sindaco’, torna ad indossare la fascia tricolore.

Come dire, ci abbiamo provato ma è andata male. Andiamo avanti e … torniamo all’area di Centro dove Euprepio Curto alla fine si conferma al terzo posto della lista Camera di FLI. Dietro i nazionali Fini e Menia, davanti a Tatarella. Possibilità di elezione legate evidentemente, ad un patto d’onore tra l’ex Senatore AN e lo stesso Fini, pronto insieme a Menia a preferire altre Circoscrizioni.

A margine, segnaliamo le candidature civetta di Claudia Zezza, Coordinatrice provinciale di Sviluppo e Lavoro, nel listone SEL del Senato. Mentre per Ingroia, scende in campo anche l’ex Consigliere comunale  di Rifondazione Comunista di Francavilla Fontana, Emanuele Modugno.

‘Candidati ombra’, pronti a sostenere la causa senza pretese o aspettative di elezione.

Commenti

  1. americo russo scrive:

    E’ uno schifo. Dopo tanti smascheramenti di imbroglioni politici e dopo tante promesse di cambiamento, ci ritroviamo sempre le stesse facce da votare. Coloro che cambierebbero realmente l’italia, ridotta al lumicino, non vengono accettati in lista o relegati ai posti, dove l’elezione è improbabile.