Tromba d’aria a Nardò, dal Comune richiesta di calamità

Nardò

NARDO’ (LE) – L’allerta meteo era stato diramato dalla Protezione Civile nei giorni scorsi: pioggia, temporali, temperature in picchiata e forti venti. Nelle ultime ore il Salento ha vissuto momenti non facili proprio per via delle avverse condizioni atmosferiche.

I danni maggiori tuttavia, sono stati registrati nella zona di Nardò dove si è abbattuta una vera e propria tromba d’aria che ha seminato panico e devastazione.

Il vortice che pare sia partito dalla zona costiera, si è spostato con un tutta la sua virulenza nell’entroterra, abbattendo alberi, devastando coltivazioni, danneggiando edifici, abitazioni e muretti a secco, piegando, come fossero stati di gomma, anche pali dell’ENEL. Inutile dire che ci sono stati disagi anche per la viabilità.

La violenza del turbine è testimoniata dalle immagini pubblicate dal sito www.portadimare.it e che si commentano da sole. Il grosso pino secolare  che giace a terra, completamente sradicato dal suolo, nel giardino della Masseria ‘Brusca’, rende l’idea di quanto devastante sia stato il passaggio della tromba d’aria.

La conta dei danni è appena cominciata e l’Amministrazione comunale è pronta a chiedere il riconoscimento dello stato di calamità naturale e invita i cittadini a segnalare situazioni particolarmente gravi.