Lecce, è tornato il ‘Boglia’

bogliacino

LECCE  –  Senza Bogliacino, il Lecce si era spento. Senza il centrocampista uruguaiano, infortunatosi contro la Reggiana, lo scorso 25 novembre, la squadra è rimasta orfana del giocatore probabilmente più importante per il modulo adottato fin dall’inizio dal Tecnico Lerda.

Senza Bogliacino la formazione giallorossa non ha più vinto, fino a domenica scorsa, facendo registrare un’involuzione tattica preoccupante e aprendo una crisi che forse non è del tutto superata visti il 2° tempo di Cremona e il 1° contro il Cuneo.

Molto meglio la ripresa con Bogliacino che ha preso per mano la squadra dettando tempi e passaggi per i compagni. La musica è cambiata e a fine partita risuonavano le note della vittoria dopo quelle meno piacevoli dei tifosi che avevano accompagnato la squadra per l’intervallo.

Nel 2° tempo in campo si è vista un’altra squadra e quando Bogliacino segna il Lecce non perde mai. L’uruguaiano ha segnato 5 gol: contro la Cremonese e il Cuneo al ‘Via del Mare’, sempre al Cuneo e a Pavia – dove realizzò una doppietta – in trasferta. Quello segnato al Cuneo è stato il primo rigore segnato in stagione da Bogliacino. E pensare che se ci fosse stato ancora in campo Chevanton sul dischetto sarebbe andato l’attaccante uruguaiano.

Per chi ama i numeri, Bogliacino ha segnato allo stesso minuto – del 2° tempo però – e nella stessa area in cui si infortunò contro la Reggiana.

Un bel problema per Lerda l’assenza di Bogliacino: in rosa non ha un suo alter ego e i vari tentativi effettuati dal Tecnico giallorosso, non hanno dato l’esito sperato.

Contro il San Marino rientrerà anche Memushaj – oltre a Tomi e Diniz – e per il centrocampo si dovrebbe contare anche su Giacomazzi fermato alla vigilia dell’ultima partita da un problema ad un polpaccio. Per Lerda tante scelte, l’Allenatore deve fare le scelte giuste. Ora molto dipende da lui.