L’acciaio resta fermo, dall’Appello parola alla Consulta

QuattroStelle

TARANTO  –  Nulla di fatto. L’acciaio Ilva resta sotto sequestroE’ l’esito del verdetto emesso dal Tribunale dell’Appello di Taranto rispetto alla richiesta di dissequestro avanzata da Ilva.  Non solo. I Giudici hanno  sollevato eccezioni di costituzionalità rispetto alla legge ‘salva Ilva’ – che autorizza il siderurgico a produrre e commercializzare –  passando la parola alla Consulta.

Tra  le motivazioni del verdetto, i Giudici sostengono che la legge invada il potere giudiziario.

“Annullare gli effetti di un provvedimento cautelare – si legge nel provvedimento – è un’invasione della sfera di competenza del potere giudiziario e si manifesta come uso abnorme della funzione normativa, perchè attraverso lo strumento legislativo  è stato direttamente modificato un provvedimento del GIP, senza peraltro modificare il quadro normativo sulla base del quale era stato emanato il decreto del Giudici”.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*