Proroga per la mensa ASL, la protesta scende dal tetto

servizio mensa ospedaliera

SAN CESARIO (LE)  –  ‘R.R. Puglia’, l’azienda che gestisce il servizio mensa per la ASL di Lecce, congela per il momento il licenziamento dei 16 lavoratori impiegati nell’ospedale di S. Cesario. In un incontro tra il Capo di Gabinetto della Prefettura di Lecce Dott. Aprea, il Direttore Generale della ASL Valdo Mellone ed i sindacati  – CISAL, FILCAMS e UILTUCS – è stato raggiunto l’accordo per prorogare la cassa integrazione a fino al 31 gennaio.

‘R.R. Puglia’ congela i licenziamenti fino al 15 febbraio.

Il Direttore Mellone, dal canto suo, si è impegnato a chiamare un altro contraente sino all’aggiudicazione della nuova gara, se alla data del 31 gennaio non ci dovesse essere il rinnovo degli ammortizzatori sociali – in quel caso ‘R.R. Puglia’ lascerebbe il servizio -.

Inoltre, entro l’1 febbraio, dovrebbe essere riabilitato il reparto di Cardiologia dell’ospedale di S.Cesario e questo comporterebbe l’aumento della richiesta dei pasti.