Il Lecce prepara la sfida col Cuneo e guarda al mercato

Mister Lerda

LECCE –  Il Lecce è proiettato con la testa al prossimo match di campionato, la seconda giornata del girone di ritorno che vedrà i giallorossi affrontare quello che sarà il primo confronto casalingo del 2013 contro il Cuneo.

Formazione che naviga al centro della classifica a ben 8 lunghezze dalla vetta allenta dall’ex calciatore del Lecce Ezio Rossi.

E’ una settimana di studio per Mister Lerda, l’appuntamento davanti al proprio pubblico chiama la squadra alla vittoria dopo gli ultimi due pareggi con Albinoleffe prima e Cremonese poi, risultati questi che in parte hanno attenuato l’involuzione registrata da Giacomazzi e compagni che prima della sosta natalizia avevano incassato 3 ko difficilmente preventivabili.

La squadra di Lerda sembra affetta da una sconosciuta patologia, nonostante domenica scorsa a Cremona ci siano stati timidi segnali di ripresa sul piano del carattere e a tratti del gioco. Il miglior antidoto in questo particolare momento potrebbe probabilmente essere una vittoria. 3 punti intanto permetterebbero di restare in vetta alla classifica ma anche di lanciare segnali di ripresa alle dirette inseguitrici Carpi, Sud Tirol e Trapani raccolte in appena 2 punti e con il fiato sul collo dei giallorossi, pronte ad approfittare di qualsiasi passo falso del Lecce.

Ma calcoli a parte, la squadra sta lavorando con impegno e serietà, consapevole del momento non propriamente brillante dal quale i giocatori vogliono subito uscire, agli ordini di Mister Lerda. Proprio il Tecnico avrà il compito di ridisegnare il suo undici titolare per la gara di domenica necessariamente con tre alternative a Diniz, Memushaj e Tomi fermati al box dal giudice sportivo.

Assenze pesanti soprattutto quella del centrocampista albanese che anche a Cremona ha fornito un importante contributo alla zona mediana garantendo interdizione e filtro al fianco di un Zappacosta che non dovrebbe invece avere alcun problema ad essere riconfermato dopo la prova più che positiva di Cremona coronata peraltro dal primo personale gol in giallorosso. Le alternative non mancano a Mister Lerda, si tratterà però di valutare le condizioni fisiche e mentali di alcuni elementi a disposizione. Ma se la squadra è concentrata sul campionato e in particolare alla sfida con il cuneo, la società resta vigile sul mercato invernale. A breve potrebbero esserci nuovi sviluppi in entrata quanto in uscita.

Il Direttore Antonio Tesoro ha smentito categoricamente un paventato scambio sull’asse Lecce-Chievo Verona con protagonisti Giacomazzi e Di Michele. Resta il fatto che l’ex attaccante del Lecce non resterà a Verona sponda Chievo. Ufficiale la sua richiesta di essere ceduto entro il 31 gennaio e tra le possibili mete figura anche Lecce oltre che Vicenza e Siena. Il giocatore di Guidonia per esigenze di natura personale avrebbe espresso gradimento per Vicenza e Lecce. Nulla di concreto al momento ha detto Antonio Tesoro sulla questione Di Michele.

Giovanni Sartori, diesse della società veneta, con le sue dichiarazioni sembra essere più ottimista nella riuscita del ritorno di re David a Lecce. Di Michele a Lecce  fino alla fine della stagione. Sempre se il Lecce si decide a muoversi con decisione  avrebbe confermato Sartori precisando che nella trattativa non rientra nessun altro giocatore nè Giacomazzi e nè Chiricò, ma contano solo Di Michele ed il Lecce.  Il club giallorosso dal canto suo prima di avvicinarsi a Di Michele vorrebbe abbassare il monte ingaggi sfoltendo l’organico attuale magari attraverso la cessione di qualche giocatore della rosa oggi a disposizione di Mister Lerda.

Da valutare anche in questo senso la posizione di Jeda, che avrebbe manifestato la volontà di cambiare casacca magari salendo di categoria cercando un posto al sole della cadetteria.

“Per ora non abbiamo ricevuto offerte tangibili. Resta con noi”. È invece la risposta fornita da Antonio Tesoro su una possibile cessione del brasiliano che in ogni caso sembra essere molto vicino a salutare il Salento considerate le ultime prestazioni decisamente al di sotto del monte ingaggio percepito. L’impressione è che saranno le prossime partite di campionato a determinare parte delle scelte di mercato. Una vittoria già domenica contro il Cuneo potrebbe riportare in casa Lecce un po’ di serenità ma se il risultato dovesse essere del tutto o in parte deludente, non è escluso che alcune soluzioni discusse nei giorni scorsi tra proprietà e tecnico potrebbero vedere un’accelerazione nei tempi di attuazione con interventi immediati sul mercato.