Avvocato sequestrato e minacciato da 3 rifugiati

Questura di Brindisi

BRINDISI – Tre immigrati, sottoposti a protezione internazionale dopo aver chiesto asilo politico, sono stati arrestati su ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita dagli agenti Squadra mobile e dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Brindisi per aver rinchiuso un avvocato in una stanza dell’Hotel Carbrun tra San Vito dei Normanni e Carovigno, struttura nella quale sono ospiti e per averlo minacciato di morte, pretendendo denaro.

I tre rispondono di tentata estorsione aggravata. Si tratta di tre ghanesi: Souleyman Daouda, di 26 anni, Daniel Benne di 23, Mohammed Ibrahim di 34.

Dal professionista i tre pretendevano rassicurazioni riguardo al rinnovo della convenzione in virtù della quale viene loro assicurato vitto e alloggio, oltre a una somma in denaro.

I fatti – a quanto si è saputo – si sono verificati poco prima di Natale, oggi è stata eseguita una ordinanza di custodia cautelare chiesta dal PM Valeria Farina Valaori e disposta dal GIP Maurizio Saso.