Miccolis diffida l’Ateneo: “Reintegro e risarcimento”

Emilio Miccolis

LECCE  –  Miccolis chiede ufficialmente di tornare al suo posto di Direttore generale dell’Università del Salento: è stata depositata questa mattina al Giudice del Lavoro nel Tribunale di via Brenta, la richiesta di reintegro da parte dell’Avvocato lavorista dell’ex Direttore, Luciano Garofalo: Miccolis non chiede solo di essere reintegrato al vertice burocratico dell’Ateneo salentino, ma ha formulato anche una corposa richiesta di risarcimento danni per il trattamento – a suo avviso ingiusto – che l’Università del Salento gli ha riservato: una richiesta danni quantificata da Miccolis in 600.000 €.

Ma non finisce qui, la guerra giudiziaria tra Miccolis e Laforgia si arricchisce di un nuovo capitolo, ovvero il promemoria depositato al TAR dall’Avvocato amministrativista dell’ex Direttore, ovvero Daniele Montinaro: un promemoria nel quale si dà conto dell’incontro nel quale Miccolis presentò al Rettore la lettera di ritiro delle sue dimissioni.

In quell’incontro, stando al promemoria, Laforgia invitò Miccolis a prendersi 24 ore di tempo prima di ritirare formalmente le dimissioni: l’ex Direttore accettò, ma in quel lasso di tempo – stando al promemoria presentato al TAR – il Rettore emanò un decreto d’urgenza nel quale accettava le dimissioni, ‘sterilizzando’ così il ripensamento di Miccolis.