Ambiente shock, ‘Il giorno che verrà’ al Teatro Impero

Manifesto 'Il giorno che verrà'

BRINDISI –  4 storie diverse, per 4 diversi protagonisti e 4 diverse sceneggiature. Unico punto in comune la città di Brindisi e le problematiche legate all’inquinamento ambientale, viste dagli occhi dei personaggi e soprattutto, dagli occhi di Daniela, giovane donna incinta che vive i mesi della gestazione nel capoluogo adriatico dove si  registra una percentuale di malformazioni neonatali superiore al 18% del dato europeo complessivo.

‘Il giorno che verrà’, questo il nome del lungometraggio firmato dal regista brindisino Simone Salvemini, in programmazione per la sola serata di venerdì 4 gennaio al Cinema Teatro Impero, alle 20.30. Un documentario-denuncia che apre uno squarcio, l’ennesimo, sull’ambiente della ‘città inquinativa’.

Daniela è, appunto,  incinta, Pierpaolo sta ultimando una inedita e scioccante mappa, Gianni aggiorna il blog, Paola sta per incidere il suo primo disco. 4 storie, quindi, che vanno idealmente moltiplicate per abbracciare e comprendere con pienezza la realtà che ci circonda.