Controlli post-bomba: arrestati per droga marito e moglie

via Pio La Torre -Cellino S.Marco

MESAGNE (BR) – Non si fermano le indagini e i controlli a tappeto sul territorio, dopo l’attentato alla villetta del Maresciallo Francesco Lazzari. I Carabinieri hanno bussato, nella notte, alla porta di due coniugi originari di Mesagne e residenti a San Donaci che nascondevano in casa cocaina e marijuana.

Nello specifico 50 grammi di polvere bianca e 45 grammi di erba, oltre al materiale per il confezionamento delle dosi.

Gianni Miglietta, 27enne e la moglie Antonella Pera, 31enne, sono stati arrestati per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio in concorso. Il giovane è stato condotto nel Carcere di Brindisi, mentre la donna si trova agli arresti domiciliari.

Questo l’esito della perquisizione domiciliare dei militari della Stazione di San Donaci che insieme ai Carabinieri del battaglione mobile e dell’unità cinofila, sono alla ricerca di tracce significative che possano ricondurre all’ordigno deflagrato nella notte tra mercoledì e giovedì.

La pista principale seguita dagli inquirenti resta infatti quella degli affari legati alla droga, un ambito in cui da tempo si muove il Comandante della Stazione dei Carabinieri di San Donaci, Francesco Lazzari, bersaglio dell’attentato dinamitardo. Nella sua villetta non ancora abitata in via Pio La Torre a Cellino San Marco, è stata piazzata la bomba fatta esplodere nel cuore della notte.