Lecce, Tesoro: “Sono fiducioso”

Mister Lerda

LECCE  –  “Il gruppo è coeso”: parola di Franco Lerda. L’allenatore del Lecce spazza, ancora una volta, tutti i dubbi riguardanti presunti malumori all’interno dello spogliatoio. Le parole a questo punti non bastano. Servono i risultati, una vittoria.

E dall’inizio del campionato un successo, questa volta, servirà per conservare il 1° posto, non passare da inseguiti a inseguitori, forse e soprattutto salvare la propria panchina.

Il Campionato del Girone A, che sembrava chiuso fino a qualche settimana fa, si è improvvisamente riaperto.

Il Lecce, da quasi una settimana, ospita il Carpi al 1° posto. La squadra giallorossa, nelle ultime settimane ha perso certezze e autostima. Ritrovarle in un colpo solo non sarà semplice. E a rendere il compito più difficile saranno le assenze di cui dovrà tener conto il Tecnico giallorosso. Non ci saranno gli squalificati Giacomazzi, Di Maio, Pià e Foti, quest’ultimo potrà rientrare dalla prossima partita grazie allo sconto di una giornata dopo il ricorso presentato dalla società leccese. Lunga la lista degli infortunati: in difesa Esposito e Diniz; a centrocampo Bogliacino e Zappacosta.

I problemi maggiori sono per il blocco da piazzare davanti a Benassi. Potrebbe esserci il rientro di Ferrario che farebbe coppia con Vinicius mentre Vanin e Legittimo sarebbero gli esterni. In pre-allarme Semenzato. Convocato il giovane Luperto. A centrocampo, se il tecnico giocherà con il 4-2-3-1, Memushaj e De Rose saranno i titolari. In attacco la linea di trequartisti sarà formata da Falco, Jeda e Chiricò con Chevanton, punta avanzata.

Sull’attaccante uruguaiano Lerda ha precisato: “Tra di noi non c’è stato alcun tipo di alterco, come ho letto in questi giorni. Affronto questo momento con estrema serenità.  Da due settimane a questa parte lo vedo più pronto a livello atletico e valuterò se impiegarlo dall’inizio o a gara in corso”. Arbitrerà la partita Bruno di Torino, a partire dalle 14.30.

Molta fiducia ha espresso anche il Presidente Tesoro, il quale martedì scorso, con il figlio Antonio Tesoro e il Vice Presidente Munafò, ha voluto spronare la squadra in vista dell’impegno contro l’Albinoleffe.