Unioni civili, la rabbia di ‘Sviluppo e Lavoro’

QuattroStelle

BRINDISI  –  Un’occasione perduta per la città. Così, il Collettivo delle donne di ‘Sviluppo e Lavoro’, il movimento rappresentato in Consiglio comunale da Giovanni Brigante, giudica l’esito della votazione inerente l’istituzione del Registro delle unioni civili.

Mozione, quella presentata dal democratico Salvatore Valentino, bocciata a causa del voto negativo di UDC-Noi Centro e PDL.

Ma anche da parte del renziano Francesco Renna che non ha preso posizione e del gruppo di ‘Impegno Sociale’ fuggito via al momento del voto. “È proprio sulle questioni dei ‘diritti civili’ che si misura la distanza tra chi ha una visione realmente avanzata e progressista e chi invece mantiene posizioni, a volte anche rispettabilissime, ma fondamentalmente ispirate ad una visione conservatrice della società”, dice la Coordinatrice SEL Claudia Zezza.

Che piuttosto che prendersela con i centristi – la cui posizione cattolica e intransigente, Papa Ratzinger docet, era ben nota -attacca “chi si dichiara impegnato nella costruzione di una società laica, democratica e progressista, in cui non ci siano comportamenti di esclusione sociale, di emarginazione o di pregiudizi dal sapore vetero-bigotto”.

Quindi, i dubbi avanzati circa l’attività del Governo Consales, evidentemente castrato dalla doppia personalità presente nella maggioranza.

“Ci chiediamo – domanda la Zezza – come potranno il Sindaco e il partito di maggioranza relativa affrontare le prossime sfide su temi scottanti che riguardano la generalità dei cittadini, se non possono contare sull’appoggio dei propri alleati. In particolare – conclude la Coordinatrice – vorremmo capire meglio di quale ‘impegno sociale’ siano portatori i seguaci di Carmelo Palazzo, se si defilano ogni volta che c’è da contribuire con il proprio voto all’avanzamento civile e sociale della città e di quale modernità è portavoce il Consigliere Renna che ha preferito non schierarsi, favorendo di fatto le consorterie oscurantiste che egli stesso dovrebbe voler rottamare“.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*