Dissenso a metà contro le trivelle nello Jonio

QuattroStelle

POLICORO (MATERA)  –  Hanno portato in strada il loro dissenso. Lo hanno argomentato e lo hanno urlato. Erano in 2.000 a Policoro, in mattinata, a manifestare contro il possibile arrivo delle trivelle nel Mar Jonio.

C’erano le associazioni ambientaliste, c’erano le parrocchie, i semplici cittadini. C’erano le 3 Regioni che si affacciano sulla porzione di mare interessata, Puglia, Calabria e Basilicata. C’erano i Sindaci, alcuni, non tutti. Di certo le rappresentanze dei Comuni di Taranto, Galatone e Gallipoli.

Per il resto, l’assenza degli altri primi cittadini e quella della Provincia di Lecce è stata evidente. È vero, infatti, che le 4 richieste di prospezione sismica sui fondali non riguardano direttamente la Regione Puglia, ma lo specchio d’acqua è lo stesso e le coste salentine sono troppo vicine ai luoghi individuati per i sondaggi.

Le indagini a cui mirano le compagnie petrolifere ‘Shell’ e ‘Apennine Energy’ hanno già ottenuto l’ok dal Ministero dell’Ambiente e dureranno 6 settimane. Servono a indagare le caratteristiche delle rocce e dei terreni del fondale marino e quel che è certo è che le multinazionali dell”oro nero’ non si stanno muovendo alla cieca.

Già da tempo estraggono greggio dalla pancia della Val d’Agri e sanno che la bolla che lo contiene probabilmente si estende fino al Mar Jonio. Il rischio, dunque, è più che concreto e fa il paio con quello che si preannuncia nell’Adriatico dove, di fronte a Brindisi, ENI estrae da tempo petrolio dal Campo ‘Aquila. E, sempre lì, altri due permessi di ricerca sono stati già accordati alla ‘Northern Petroleum’.

Chi ha sfilato a Policoro ha bene in mente cosa potrebbe accadere in un Salento assediato da entrambe le parti. Il corteo che ha attraversato gran parte della città è terminato al ‘Paraeraclea’, dove – dopo gli interventi di studiosi, associazioni ed istituzioni – i rappresentanti provinciali, regionali e comunali intervenuti hanno sottoscritto un protocollo diintesa contro le trivellazioni.

Una contrarietà netta e a priori, indipendentemente dalle miglia dalla costa indicate nella richiesta da parte delle compagnie petrolifere. “Il Mar Jonio non si tocca, nè può essere considerato strumento di arricchimento o di profitto per pochi a scapito di ogni logica ambientale e, soprattutto, affettiva per la nostra comunità cittadina”, ha rimarcato tra gli altri, il Sindaco di Gallipoli Francesco Errico.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*