Clini salva il gasdotto TAP: 9 mesi di proroga

Corrado Clini

ROMA   –   Il Ministero dell’Ambiente  ‘salva’ TAP dallo stand-by deciso dal TAR di Lecce e concede 9 mesi di proroga per la presentazione della Valutazione d’Impatto Ambientale e Sociale, la cosiddetta ESIA, per il gasdotto il cui approdo è previsto a San Foca, Marina di Melendugno.

E’ la stessa Trans Adriatic Pipeline a comunicare che il Ministero dell’Ambiente ha accordato a TAP la sospensione della procedura di autorizzazione: una sospensione che arriva addirittura dopo il fischio finale della partita legale.

Il 22 novembre scorso, il TAR di Lecce aveva rinviato l’udienza che riguardava tap al 12 dicembre: due giorni dopo rispetto al 10 dicembre, indicato come termine ultimo dal Ministero dell’Ambiente per depositare le carte della VIA.

Ora il Ministero dell’Ambiente ha, invece, prorogato al settembre 2013 il termine per la presentazione della VIA. Una proroga che TAP giustifica con le molte osservazioni pervenute: “Avremo il tempo di continuare il dialogo sul territorio pugliese con tutte le autorità e le persone interessate al progetto – dice Giampaolo Russo, Country Manager di TAP Italiain modo da tenere ulteriormente in considerazione le opinioni ricevute”.