Oltre 10.000 voci: “Taranto libera!”

'Taranto libera'

TARANTO  –   Volevano bloccare la città e lo hanno fatto. Operai, ambientalisti, studenti, ultras, mamme con i bambini. Cittadini di ogni età e classe sociale. Sono i tarantini. Questa volta veramente in massa. perchè manifestano? Vogliono “Taranto libera!”.

Libera dai ricatti, dai condizionamenti, dalla corruzione, dai soprusi.

Una sfilata mastodontica, immensa.

Partito in Piazza Sicilia, il corteo ha attraversato Taranto raccogliendo man mano partecipanti, superando i 15.000.

Una muraglia di persone arrivate da tutta Italia. Da Trieste, Genova, Cornigliano e molte altre città fino alla più vicina Brindisi.

Abbassano le saracinesche i commercianti al passaggio della carovana fatta di striscioni, bandiere, megafoni, apecar, biciclette, passeggini. Temono guerriglie.

Ma tra forze dell’ordine potenziate e spirito pacifico della manifestazione, i toni rimangono calmi. La rabbia è sugli slogan. Rabbia e sarcasmo.  

Rabbia per le morti da inquinamento.

E, infine, l’arrivo in Piazza Della Vittoria e il concerto di 19 artisti e musicisti. Cantano, urlano, denunciano… Taranto libera!