‘Provincia Salento’: la politica spiana la strada

Adriana Poli Bortone

S.PIETRO VERNOTICO (BR)  –  Non si è mai sopita l’idea della ‘Provincia Salento’, specie nei Comuni del sud brindisino che da sempre coltivano ambizioni barocche. Tra questi, S.Pietro Vernotico, che in queste ore per volere della sezione locale di ‘Io Sud’ ha chiamato a raccolta sindaci frontalieri e politici di ogni livello per discutere di riordino.

Da Lecce hanno dato il loro contributo la leader di ‘Io Sud’, Adriana Poli Bortone e il Presidente della Provincia Antonio Gabellone; da Brindisi il Consigliere regionale di FLI, Euprepio Curto, i Segretari di UDC e IDV, Ciro Argese e Lorenzo Caiolo.

Più o meno tutti d’accordo sul disordine con cui è stato concepito il riordino per ora affossato e convinti che “i Comuni al confine debbano proseguire il loro cammino verso Lecce. D’altronde il prossimo Governo, tornerà ad occuparsene”.

Lo sostengono Gabellone e la Poli Bortone che ha voluto dire la sua anche sulle dimissioni di Ferrarese, criticando la scelta dell’ex Presidente: “Ha fatto un errore gravissimo. Avrebbe dovuto restare in carica, portando a termine il mandato”.

Sulle sorti dell’intero territorio di Brindisi, è intervenuto poi Curto che conferma l’idea che lo accompagna da mesi: “Se Brindisi non potrà mantenere la sua autonomia, allora si lavori per la ‘Provincia Salento’, con o senza Taranto”.

Commenti

  1. aaa scrive:

    Finalmente qualcuno che ha capito, in particolare mi piace il “senza taranto”…