Mantovano: “Sono nel PDL, finchè esiste il PDL”

alfredo mantovano

LECCE   –    Nel PDL, almeno finchè esiste il PDL: chiaro e sibillino al tempo stesso Alfredo Mantovano, già lanciato verso la fondazione di ‘Italia Popolare’: la formazione verso la quale, in questi giorni di rapidissima variazione dell’orizzonte del Centrodestra, stanno convergendo Mantovano e tutta l’area di Alemanno, i Teocon di Quagliariello, gli ex Socialisti di Franco Frattini e Maurizio Sacconi.

“Un’area politica – specifica Mantovano – che non intende scindersi dal PDL. Almeno finchè – aggiunge sibillino – il PDL continua ad esistere”.

Una cosa è certa: questa nuova area nella quale Mantovano si sta posizionando, è quella dei ‘Montiani del Centrodestra’. Come dire che la ricandidatura a Premier di Silvio Berlusconi cambierebbe tutto.

A bocce ferme, con il PDL che si presenta alle elezioni così com’è oggi, Mantovano benedice le Primarie per scegliere i candidati al Parlamento. Quelle Parlamentarie di cui ha parlato ad ‘Open’ il Coordinatore leccese Antonio Gabellone: “Buona idea, ottima – dice Mantovano – ma non si possono fare solo a Lecce: le liste sono regionali e, quindi, in questo processo deve essere coinvolta tutta la Puglia”.

Un ragionamento lineare, ma che si scontra con due elementi decisivi nelle eventuali Parlamentarie del PDL. Primo elemento: il tempo, visto che altro è concertare regole e organizzazione nella sola Provincia di Lecce e altro è farlo in tutta la Puglia. Secondo elemento: l’imprevedibilità dello scenario politico nazionale.

Perchè mai come in queste ore, nella politica italiana, domani è un altro giorno.