115 in tilt nella notte, torna la paura maltempo

Firenze, forte nubifragio strade

TARANTO   –   Auto in panne, strade e scantinati allagati, alberi sradicati e muretti crollati. Ci risiamo. A Taranto torna la paura maltempo. Nella notte, i telefoni della sala operativa dei Vigili del Fuoco sono stati investiti da continue telefonate e richieste di interventi che hanno impegnato numerose squadre di pompieri a causa della forte pioggia.

I quartieri più colpiti la ‘Salinella’ e in particolare ‘Paolo VI’. Non appena il cielo si è incupito, il pensiero inevitabilmente è tornato al giorno della tromba d’aria ed è salita la paura. Fortunatamente questa volta non si contano danni particolarmente ingenti.

A ‘Paolo VI’, sono crollati alcuni muri. Diversi gli automobilisti rimasti bloccati con le auto in panne per le strade allagate. Tra queste, come sempre via Ancona, dove ritorna puntuale il problema della manutenzione dei tombini e delle vie di scarico.

E ancora box, scantinati e allagamenti ovunque. Una notte di lavoro intenso, insomma, per i soccorritori. Ed intanto, continuano i lavori di ripristino a Statte, messa in ginocchio dalla tromba d’aria del 29 novembre scorso.

La calamità che ha fatto contare anche un morto. Francesco Zaccaria, il gruista dell’Ilva, disperso in Mar Grande e ritrovato esanime, due mattine dopo. Tra gli interventi per Statte, ma anche per Massafra e Castellaneta, i progetti dell’ANCE che richiama l’attenzione sul problema della messa in sicurezza del territorio, dalla pulizia di argini e canali, al recupero delle biomasse e così via, in zone a rischio da dissesto idrogeologico. L’ente dei costruttori, già impegnato per Statte, si mette a disposizione per interventi preventivi.

Allagamenti anche all’Ospedale ‘Moscati’. “La Direzione della Azienda Sanitaria di Taranto informa la cittadinanza che a causa delle ingenti piogge di venerdì sera 14 c.m., le SS.CC. di Radioterapia e di Medicina Nucleare dello Stabilimento Ospedaliero ‘S.G. Moscati’ hanno subito danni logistici e delle apparecchiature elettromedicali. L’attività sanitaria subirà un breve periodo di interruzione. Il personale infermieristico delle strutture summenzionate sta già provvedendo ad informare i pazienti in trattamento da lunedì p.v. al fine di programmare i nuovi appuntamenti che saranno garantiti nel più breve tempo possibile”.