Intesa Ilva sindacati sulla cassa, no della FIOM

ilva

 TARANTO  –   Firmato  all’Ilva di Taranto l’accordo per la cassa integrazione in deroga per 1.428 lavoratori dell’area a freddo. La cassa decorre da ieri e durerà sino al 31 gennaio prossimo. L’accordo è stato firmato da FIM CISL, UILM UIL, ma non dalla FIOM CGIL secondo la quale la situazione poteva essere gestita diversamente.

Secondo fonti sindacali, ad oggi solo 500 sono realmente in cassa, mentre il resto è in ferie in quanto prima di andare in cassa il personale deve smaltire le ferie residue.

L’Ilva ha attivato la cassa in deroga, poichè il sequestro dei prodotti finiti e dei semilavorati scattato lo scorso 26 novembre nell’ambito della nuova fase dell’inchiesta giudiziaria relativa al siderurgico di Taranto non permette la normale attività dell’area a freddo essendo le aree di stoccaggio e i magazzini pieni della merce cui sono stati apposti i sigilli dalla Finanza.