Il CdA Unisalento ‘chiude’ a Miccolis e ai precari

Università_Lecce

LECCE   –   Due ‘no’ secchi dall’Università del Salento: il 1° all’ex Direttore Miccolis, il 2° alla stabilizzazione dei precari. La richiesta dell’ex Direttore generale dell’Unisalento Emilio Miccolis, che aveva richiesto di ritornare al vertice burocratico dell’Unisalento, è stata respinta dal Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo, che ha ritenuto che le dimissioni di Miccolis fossero valide a tutti gli effetti dal momento di presentazione e che non potessero essere ritirate dopo il decreto del Rettore Laforgia che le ratificava.

L’ex Direttore sostiene, invece, che il decreto di ratifica sia stato approvato dopo il ritiro delle dimissioni, comunicato direttamente al Rettore Laforgia.

‘No’ del CdA Unisalento anche alla stabilizzazione dei circa 40 precari nell’organico dell’Ateneo salentino: anche in questo caso decisivo il parere legale dell’Avvocatura dello Stato che ha ritenuto che le prove selettive sostenute a suo tempo dai precari, non fossero sufficienti per assumerli oggi a tempo indeterminato.

Le due delibere sono state approvate dal CdA a maggioranza: erano presenti 5 dei 9 componenti. Favorevoli il Rettore Laforgia, i Professori Arachi e Campiti e il rappresentante di ‘Obiettivo Studenti’ Pierluigi Toma, mentre si è astenuto il rappresentante ‘Link-Udu’ Carlo Monticelli.