‘Greenpeace’ esce allo scoperto: nuovi manifesti in città

enel

BRINDISI –  ‘Greenpeace‘ esce allo scoperto nel giorno del processo. Questa volta non sceglie l’anonimato, ma mette in evidenza la sua firma sui nuovi manifesti che tappezzano la città. Ancora la Centrale di Cerano sullo sfondo, con un nuovo slogan: “Le Centrali a carbone della tua città hanno nuovi filtri” e accanto i volti di tre bambini, che come tanti, subiscono le conseguenze dei fumi e delle polveri della ‘Federico II’.

Chissà quali saranno i danni per i polmoni di Bianca, 10 anni, per quelli di Arianna, 9 anni e per quelli di Leonardo, di appena 6 anni. Figli di tutti, costretti a respirare un’aria poco salubre.

E’ questo il messaggio lanciato da ‘Greenpeace’ che a margine, comunica senza mezzi termini gli effetti degli 84 inquinanti emessi da una qualunque Centrale a carbone: malattie respiratorie, disordini dello sviluppo, asma infantile,cancro. 84 inquinanti, una sola soluzione: fermare il carbone.

Appello che rappresenta un sentire diffuso tra i brindisini e che si diffonde per le strade attraverso gli occhi dell’infanzia, dando seguito ai manifesti anonimi affissi qualche giorno fa, figli della stessa mano, quella di ‘Greenpeace’, nonostante la secca smentita da parte dell’Ufficio di comunicazione del gruppo ambientalista. Ma oggi ‘Greenpeace’ non si nasconde e dice la sua senza veli, in attesa della verità giudiziaria sul caso ENEL.