Archinà e Liberti restano in carcere

QuattroStelle

TARANTO  –  Il Tribunale del Riesame di Taranto ha rigettato i ricorsi finalizzati alla scarcerazione dell’ex dirigente dell’Ilva Girolamo Archinà e dell’ex Preside del Politecnico di Taranto Lorenzo Liberti, arrestati il 26 novembre scorso, nell’ambito dell’inchiesta denominata ‘Ambiente svenduto’ riguardante l’Ilva di Taranto e parallela all’inchiesta-madre per disastro ambientale.

I Giudici hanno depositato il solo dispositivo dell’ordinanza, riservandosi il deposito delle motivazioni.

Archinà è attualmente in carcere, mentre Liberti è ai domiciliari. Ad entrambi, in particolare, viene contestato un episodio in atti giudiziari.

Secondo l’Accusa il 26 marzo 2010, Archinà avrebbe consegnato in una stazione di servizio a Liberti una busta contenente la somma di 10.000 € in contanti per ‘ammorbidire’ una relazione che il docente universitario, all’epoca anche consulente della Procura, avrebbe dovuto elaborare sulle fonti dell’inquinamento atmosferico della città.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*