Riordino, Curto denuncia: “Tarantini bloccano delibere pro Lecce”

Euprepio Curto

BRINDISIAlcuni esponenti politici ionici, esercitanti gran peso all’interno del Governo regionale pugliese, da sempre sostenitori per motivi molto comprensibili, dell’accorpamento tra Brindisi e Taranto, avrebbero mal digerito gli ultimi pronunciamenti del capoluogo messapico e di molti altri Comuni della Provincia.

Sicché, starebbero condizionando molto pesantemente le funzioni della struttura burocratica regionale.

In estrema sintesi: frenando e rallentando la trasmissione delle delibere, sì da farle pervenire a Roma… fuori tempo massimo.

A dirlo il Consigliere regionale di FLI Euprepio Curto che interroga la Regione sul ritardo di trasmissione delle delibere dei Consigli comunali in fuga verso Lecce. “Superfluo evidenziare – scrive Curto nell’interrogazione – quanto tutto ciò sia intollerabile e comunque in palese violazione con le più elementari regole politico-istituzionali”. 

Commenti

  1. gianni scrive:

    non solo i tarantini caro consigliere curto, ma anch e gli stessi baresi, che, ovviamente,pur di non fare accrescere lecce son disposti a tutto…
    la provincia Salento lecce con brindisi sarebbe sia come superficie che come popolazione la più grande in puglia, nettamente al di sopra anche dell’a.m.barese e questo all’orgoglio infantile e becero di più di qualcuno non gli va giù…comne son ridotti male, come se bastassero sti mezzucci a far cambiare idea alle popolazioni e ai consigli comunali…semmai la consolidano e di tantio pure!

  2. denny scrive:

    ahahaha sai che gliene frega ai baresi se brindisi si accorpa a lecce, ma non dire cavolate gianni

    1. gianni scrive:

      i motivi li ho scritti nel post, se leggi denny forse capisci…

  3. mario scrive:

    ..ma perche bloccare la nascita della provincia salentina con l’accorpamento di brindisi e lecce..Sono terre con origine e tradizioni simili e ben venga l’accorpamento,lasciate Taranto come provincia a se stante,daltronde nel riordino doveva venir meno una provincia e Brindisi si sacrifica…Nel bene e nel male brindisi e lecce hanno molto in comune,anche la sacra corona unita!

  4. gianni scrive:

    però caro curto, ci sono anche consiglieri brindisini presso la regione e dovrebbero controllare molto meglio che le delibere dei propri comuni attivino a destinazione e poi perché non inviarle direttamente a roma senza farle passare da bari che, si sa,cerca sempre di mettere bastoni fra le ruote giusto per usare eufemismi…