Sfrattati e aggrediti: il calvario di una famiglia

sfrattati in via Vecchia Surbo

LECCEDa oltre un mese vivono per strada. I mobili, tavoli, armadi e sedie, li hanno addossati ai muri, in una sorta di ricovero a cielo aperto dopo lo sfratto da una casa in via Vecchia Surbo. Erano morosi, l’affitto non lo pagavano da mesi e il proprietario li ha sbattuti fuori.

Per i coniugi Ugo Ingrosso e Iolanda Buffalino certo la vita non è semplice.

L’inverno è ormai arrivato, la pioggia pure. Il Fiorino dove trovano riparo almeno per la notte, non basta a proteggerli dal freddo.

Sono alla mercè delle intemperie e di chi prova ad approfittare della situazione. Domenica sera, hanno dovuto fare i conti con un cittadino rom che ha tentato di portar via parte del mobilio. Era pronto a caricarlo quando è stato sorpreso dal Signor Ugo che ha tentato di fermarlo. I due sono venuti alle mani, ne è nata una colluttazione sedata dall’intervento delle Volanti. Gli agenti sono arrivati in via Vecchia Surbo ed hanno assistito anche al malore dell’uomo. Ugo si è sentito male ed è stato necessario l’intervento del 118. L’ambulanza è arrivata poco dopo. L’uomo è stato medicato sul posto, non ha avuto bisogno di ricovero.

Intanto sulla vicenda sono in corso le indagini degli agenti della DIGOS, su delega della Procura che ha ricevuto un esposto anonimo in cui si segnalava la precaria situazione della famiglia. Gli uomini della Questura stanno spulciando tra le carte per verificare regolarità o eventuali irregolarità nelle graduatorie comunali per l’assegnazione di case popolari o case-parcheggio, per le quali la coppia avrebbe fatto richiesta già da tempo.

Le Istituzioni, dalla Chiesa ai Servizi sociali, si sarebbero mossi per trovare una soluzione alla drammatica vicenda, ma al momento la coppia è ancora lì, continua a vivere per strada, insieme ai mobili. Sono di fatto dei senzatetto, che anzichè rifugiarsi in Stazione, hanno preferito non allontanarsi dalle ‘quattro mura’ che un tempo erano la loro casa.

Commenti

  1. La cittadina di Lequile si estende lungo la vecchia via provinciale che collegava Lecce con Gallipoli .