Brevetti e consulenze, la Procura indaga

Università del Salento

LECCE – Brevetti dell’Università del Salento e consulenze alle società fondate dal Rettore Domenico Laforgia: su questa traccia – contenuta in un esposto anonimo – si sta muovendo il Sostituto Procuratore Paola Guglielmiche ha aperto un fascicolo d’indagine per verificare le accuse e valutare il comportamento del Magnifico Rettore.

La vicenda è quella già nota al pubblico di TeleRama e in particolare de ‘L’Indiano’: le consulenze sui brevetti richieste dall’Università del Salento all’Agenzia regionale ARTI, a favore dello Studio ‘Laforgia, Bruni and partners’, amministrato dal figlio e di cui all’epoca era socio lo stesso Rettore.

Nell’esposto si sottolinea che le consulenze sono state autorizzate con atti (decreti e delibere) che portano la firma del Rettore, che però in quanto Pubblico Ufficiale avrebbe dovuto astenersi, in presenza di un interesse proprio o di un proprio familiare.

Tutte accuse sulle quali sta indagando il PM Guglielmi, allo scopo di fare luce sull’ennesima questione che riguarda l’Università del Salento.