Il Rettore in Comune per presentare i progetti dell’Ateneo

Domenico Laforgia

LECCE – Il Rettore dell’Università del Salento, Domenico Laforgia in Commissione Urbanistica al Comune di Lecce per spiegare i progetti di riqualificazione, ristrutturazione e ampliamento che l’ateneo ha intenzione di compiere.

L’esigenza di avere il Magnifico in Commissione è nata nelle precedenti sedute quando il caso dello Sperimentale ‘Tabacchi’ è approdato sulle scrivanie dei componenti.

In particolare, quella consulenza affidata dall’Università alla moglie del Dirigente del Settore Urbanistica, Luigi Maniglio.

Questione di inopportunità diceva l’opposizione, da Carlo Salvemini al Democratico Antonio Rotundo all’UDC Luigi Melica. Chiarimenti che non sono stati chiesti al Rettore, poiché i protagonisti erano assenti. A dire il vero mancava il gruppo del PD, l’UDC. A tenere alta la bandiera di ‘Lecce Bene Comune’, il Consigliere Citraro.

Così la più spinosa delle questioni non è stata affrontata. Il Magnifico ha spiegato gli obiettivi che l’ateneo intende perseguire sul modello californiano. Una sorta di Università diffusa che renda sempre più attrattiva Lecce per gli studenti, specie stranieri. Gli interventi di ristrutturazione interesseranno il ‘Codacci Pisanelli’ ex Gil, ex ‘Principe Umberto’, l’Istituto ‘Garibaldi’ e ‘Buon Pastore’, ex Sperimentale ‘Tabacchi’, ‘Olivetani’ e completamento dello ‘Studium 2000’.

Insomma un vero e proprio campus urbano, ha sottolineato Laforgia. I fondi? Saranno stanziati in parte dal Provveditorato, dal piano per il sud e dall’Università stessa. Unica voce fuori dal coro si è levata proprio dai banchi della maggioranza. Il Consigliere di ‘Grande Lecce’, Paride Mazzotta ha chiesto quale ruolo avrà la fondazione, avendo egli stesso partecipato, in Senato Accademico, alla costituzione.

Il Presidente della Commissione urbanistica Angelo Tondo ha stoppato il Consigliere, bollando come non pertinente la domanda. Laforgia, invece, ha risposto assicurando che sarà l’Università a seguire da vicino i progetti e non la fondazione.