Dopo la rapina, l’incendio: nel mirino nuovamente la struttura ‘Sacro Cuore’ a Merine

carabinieri

MERINE (LE) – Altro inquietante episodio, sempre nella notte, a qualche chilometro di distanza: qualcuno ha dato fuoco, dopo essersi introdotto nelle stanze, ad un armadio con dentro lenzuola e coperte nella Casa per anziani ‘Sacro Cuore di Gesù’ a Merine, la stessa che solo qualche giorno fa fu visitata da 2 rapinatori che, nel cuore della notte, strapparono la borsa alla titolare e portarono via 15.000 euro.

Un incendio misterioso sul quale sono in corso le indagini dei Carabinieri: la struttura, infatti, è gestita dalla madre della convivente di Alessandro Verardi, in carcere dopo l’operazione ‘Augusta’ ed ora collaboratore di giustizia.

Gli inquirenti stanno cercando di capire se anche i due episodi nella Casa di riposo debbano essere ricondotti alle minacce a suon di scritte offensive e attentati nei confronti dei familiari di Verardi.