Costringe i familiari al furto, condannato

tribunale

LECCE – Avrebbe evaso i domiciliari procurandosi un fucile per poi minacciare la moglie e il figlio e costringerli a compiere un furto, in casa del nonno. Il Giudice Vincenzo Brancato ha condannato a 2 anni e mezzo e 400 euro di multa Massimiliano Cordella, 32enne di Nardò, con le accuse di evasione, porto abusivo di armi da fuoco, minacce e furto.