Foti: “Lecce, la mia isola felice”

Salvatore Foti

LECCE A Genova ha trovato l’amore per Ambra, la sua fidanzata, a Lecce ha ritrovato quello per il calcio dopo i momenti no con la sua ex squadra, la Sampdoria. Arrivato tra gli ultimi in casa giallorossa, il 10 settembre scorso, Salvatore Foti detto ‘Lillo’in poco tempo ha conquistato la prima fila nel cuore dei tifosi,diventando un punto di riferimento importante della squadra, la stella polare dell’attacco leccese.

Un amore a prima vista, come ha ribadito nel corso della puntata di ieri sera di Piazza Giallorossa, cresciuto a suon di gol, che gli hanno permesso di conquistare lo scettro di capocannoniere assoluto di Lega Pro.

8 in Campionato ed uno in Coppa contro l’Aprilia, ma il più bello per lui resta il primo contro il San Marino dopo appena 3 minuti dal suo ingresso in campo. Un biglietto da visita niente male insieme a quell’assist per il gol del 2-0 di Chiricò.

Un gol che ha permesso di rompere il sortilegio che stava bloccando i salentini sullo 0-0, ma soprattutto, che ha permesso al ragazzone di Palermo, di ripartire alla grande insieme al suo Lecce. E da quel momento ancora gol col Treviso, con il Como, la tripletta con la Virtus, a Trapani, a Lumezzane.

Il suo sinistro e i suoi colpi di testa fanno paura a qualsiasi difesa. Lillo è pronto a riprendersi il terreno perduto tra infortuni, sfortuna e chi non ha creduto in lui. La sua voglia di riscatto è una marcia in più, la sua umiltà un valore aggiunto. Il suo sogno, invece, è restare qui, ritrovare la A con la maglia giallorossa, ma il cammino è ancora lungo e difficile.

Al momento l’unico imperativo è ripartire dopo lo scivolone in terra lombarda e superare l’ostacolo Reggiana. Il Lecce è pronto, lo ha sottolineato anche l’Amministratore Delegato Antonio Tesoro nella conferenza stampa di ieri a Squinzano.

Tutti uniti verso la stessa meta e con un condottiero come Lerda, il vantaggio del Lecce è ben più ampio di quello che dice la classifica.