Primarie PDL, Alfano compatta Fitto e Mantovano. MRS : “Nè Province, nè Macroregioni”

Angelino Alfano

LECCE – Angelino Alfano, candidato alle Primarie del Centrodestra, compatta le posizioni di Raffaele Fitto e Alfredo Mantovano. Nel Coordinamento provinciale del Pdl leccese, si è consacrato l’orientamento unitario che arriva dal Sindaco di Roma Alemanno.

Se Primarie saranno, il Salento spingerà per l’ex Guardasigilli.

La riunione, più tecnica che politica, ha fissato alcuni paletti in attesa di lunedì, giorno in cui saranno ufficializzati i candidati.

Ammesso che si faccia in tempo a fare le Primarie; se le elezioni saranno fissate il 10 marzo, allora il Centrodestra avrà il tempo – tra dicembre e gennaio – per tastare il polso del suo elettorato. Altrimenti dritti verso un candidato prescelto.

Se Centrodestra e Centrosinistra sono impegnati su questo fronte, i Movimenti battono su altri punti. Come l’accorpamento delle Province.

Il Movimento Regione Salento, ribadisce il modello riformista pensato già prima del decreto voluto dal Governo e spiega, ad una platea di giovani riuniti a Copertino, perché permetterebbe all’Italia di fare un passo in avanti.

Province che servono solo ad assicurare una postazione di potere, statuti speciali ormai anacronistici da cancellare e quelli ordinari che forti di una autonomia totale, hanno provocato solo un caos decisionale che ha portato agli scandali balzati agli onori delle cronache, carrozzoni che sperperano denaro in infinità di rivoli di spesa.

Questi alcuni dei motivi che spingono verso una riforma radicalmente delle macchine amministrative del Paese, esposti dal Presidente del Movimento Paolo Pagliaro alla platea stimolato dagli interventi del pubblico.

Regioni più piccole ed omogenee, così da non creare più il disequilibrio tra i poco più di 300.000 abitanti del Molise e i 9 milioni della Lombardia e soprattutto NO alle Macroregioni, come ipotizzato nel dibattito generale.

Tanti gli argomenti affrontati nell’incontro, dalle prossime politiche – si rifletterà sulle alleanze – al distacco tra la gente e i partiti. Riflessioni nate anche dal fatto che l’incontro era popolato da giovani, i primi ad essere stati delusi dalla tradizionale politica.