Lumezzane fatale, per il Lecce 1° ko

stadio Lumezzane

LUMEZZANE (BS) – Anche senza la neve che il 28 ottobre scorso aveva fatto rinviare la partita fra Lumezzane e Lecce i giallorossi scivolano sul campo dei lombardi: in campionato è il 1° stop.

Inatteso per come si è sviluppato l’incontro, con la squadra leccese in superiorità numerica per oltre un tempo, con Pià che sbaglia un calcio di rigore e con preoccupanti fasi di gioco in cui il Lecce ha incredibilmente subito un avversario ridotto in 10.

Quando Foti ha portato in vantaggio il Lecce sembrava che il più fosse fatto. Invece, il peggio doveva ancora arrivare. I padroni di casa, ben messi in campo dal proprio allenatore, Gianluca Festa, non si sono mai disuniti anche perché il Lecce non ha punto come avrebbe dovuto.

Lerda, nell’undici di partenza, presentava Pià sulla corsia esterna (il brasiliano ha deluso, oltre ad aver sbagliato il calcio di rigore), mentre in difesa Legittimo era stato preferito a Tomi.  Dopo poco più di 10 minuti, è il 12°, il Lecce ha l’occasione per siglare il vantaggio, ma Foti sul cross di Chiricò manca la battuta vincente.

Per il Lecce arriva l’occasione ghiottissima per segnare il vantaggio grazie ad un calcio di rigore concesso per una trattenuta di Mandelli ai danni di Giacomazzi sugli sviluppi di un calcio di punizione. Dal dischetto, però, Pià colpisce il palo. Per la squadra di Lerda è il secondo errore dagli 11 metri dopo quello di Foti a Pavia.

I padroni di casa, qualche istante dopo, restano in 10 per l’espulsione di Dametto (rosso diretto). Al rientro dopo l’intervallo, Lerda presenta Tomi al posto di Legittimo. Il Lecce comincia subito con una sufficiente pressione (al 4° da un corner per il Lecce il colpo di testa di Di Maio è centrale). All’11° arriva finalmente il gol del Lecce: cross dalla destra e colpo di testa vincente di Foti, il quale riscatta anche l’errore dal dischetto di Pavia.

La formazione lombarda  pareggia 5 minuti più tardi: Inglese da sinistra mette in mezzo dove Esposito perde posizione e avversario che risponde al nome di Torri, il quale batte Benassi, 1-1.

Il Lumezzane prende coraggio (26°) e sfiora in due occasioni il raddoppio: la punizione di Inglese è deviata in angolo da Benassi e, sugli sviluppi del conseguente corner, Baraye, di testa, mette a lato.

Il gol che decide la partita arriva al 27°: Tomi è costretto al fallo su un avversario e sulla punizione di Marcolini, svetta più alto di tutti D’Ambrosio e insacca, 2-1.

Il Lecce, con fatica, si porta in avanti e sugli sviluppi di un calcio di punizione Diniz, in tuffo di testa, non riesce a spingere il pallone in porta. La squadra lombarda agisce di rimessa e aiutata anche da una disattenzione di Giacomazzi, sfiora il 3° gol con Inglese. Lerda richiama Pià e inserisce Malcore, dopo aver dato spazio a Jeda.

Al 38° Lecce vicino al pareggio, ma Marcolini salva sulla linea la conclusione di Foti. L’ultimissima occasione, al 48°, capita a Giacomazzi, ma il capitano davanti alla porta spara alto. Non fa meglio Baraye (49°), il quale calcia a lato. Il Lecce non punge nonostante la presenza in campo di Foti, Jeda e Malcore. Finisce 2-1 per il Lumezzane.