1° novembre a Lecce tra i vigili in sciopero

polizia municipale

LECCE – Assemblea non autorizzata fuori dal Comando dei Vigili urbani. 1° novembre di sciopero per il Corpo della Polizia Municipale leccese. La richiesta è chiara: retribuzione dei giorni festivi infrasettimanali, a quanto pare non corrisposti da almeno 2 anni e mezzo.

E per questo quale migliore occasione del primo ponte infrasettimanale utile per protestare? Certo, il paradosso c’è tutto.

Se si pensa che solo qualche ora prima a sfilare per le strade della città c’era chi un posto di lavoro non lo ha più o non percepisce la Cig da mesi. Ma ogni settore ha le sue pene e i Vigili urbani di Lecce chiedono i giusti compensi.

Tuttavia appare quantomeno poco opportuno, in tempo di spending review e settori al collasso, protestare per una retribuzione che peraltro, è prevista dal Contratto Collettivo del Lavoro.

Forse lo sanno anche i Vigili urbani stessi, tanto che ad aderire allo sciopero è stata solo una sigla sindacale: la Dicap. Tuttavia a fare le veci dei Vigili in sciopero ci ha pensato la Protezione Civile, in campo nelle zone più trafficate, come il Cimitero.

Da oggi apertura continuata, dalle 7 alle 18, per consentire l’afflusso dei cittadini. In attesa del giorno dedicato alla commemorazione dei defunti, inizia oggi il sommesso pellegrinaggio dei cittadini al cimitero per ricordare i propri cari scomparsi.  I chioschi per la vendita di fiori, di piante e lumini sono attivi dalle prime ore di oggi in coincidenza con l’apertura dei cancelli del Cimitero.

Dalle 7 alle 18, fino a dopodomani, il Camposanto rispetterà un’apertura continuata per consentire un afflusso prolungato e più ordinato delle famiglie, che avranno a disposizione le aree parcheggio dell’ex Carlo Pranzo e del Foro Boario per lasciare l’auto e accedere senza difficoltà al Cimitero con i servizi gratuiti dei bus navetta. Il piano della viabilità è in vigore da questa mattina. Oggi e domani, dalle 7 alle 18, è istituito il senso unico di circolazione in via San Nicola, in via Carluccio, in via Genuino e in via Indino.

Inoltre, è vietato il transito in via Genuino nel tratto compreso tra viale Calasso e via Indino, ad esclusione dei residenti. Stesso divieto varrà per via San Nicola nel tratto compreso fra l’ingresso al piazzale del Cimitero e l’incrocio con via Carluccio. Il 1° e il 2 novembre, invece, l’area del Cimitero verrà chiusa al traffico e sarà transitabile solo per i disabili ed i mezzi di servizio ed emergenza.

In particolare, sarà in vigore il divieto di transito e di fermata con rimozione forzata lungo le vie San Nicola, di Valesio e dell’Università nei tratti compresi tra via Taranto e via San Nicola; via Carluccio, compresa la bretella di collegamento che dal viale Porta d’Europa conduce alla stessa via; via Genuino, dallo slargo esistente sulla stessa via fino a via Carluccio.

Allo stesso tempo è  consentito, all’incrocio di via Carluccio con viale Calasso, l’uscita a destra e sinistra agli autobus urbani; la svolta a sinistra verso via Carluccio agli autobus che transitano su viale Calasso e provenienti dall’Obelisco; l’accesso al parcheggio dell’ex Carlo Pranzo ai veicoli in transito lungo viale Calasso provenienti da piazza dei Bastioni. E’ previsto il senso unico di circolazione in via Indino e da via Genuino al viale Porta d’Europa. Sono esclusi da divieto, i cortei funebri, i bus urbani ed extraurbani che percorreranno via Carluccio in uscita verso viale Porta d’Europa, i mezzi d’emergenza, di polizia e dei residenti se muniti di passi carrabili.

Gli accessi all’area del Cimitero, così come gli incroci e le vie limitrofe, sono  dai volontari della Protezione Civile per garantire un afflusso ordinato dei cittadini.

Commenti

  1. antonio scrive:

    quanta approssimazione, quanto pochezza, quanto astio nelle parole di questo articolo messo insieme per compiacere chi o cosa?
    Dice e si contraddice e confonde termini e istituti. Sarebbe il caso di informarsi prima disinformare con tanta approssimazione!

    Mi chiedo se chi l’ha scritto sa almeno lui/lei cosa vuole dire!
    Come testualmente scrive:”poco opportuno, …, protestare per una retribuzione che peraltro, è prevista dal Contratto Collettivo del Lavoro” be? ci spieghi, a suo sommo avviso si dovrebbe protestare perchè non pagano ciò che non è previsto?
    A proposito: ma lo/la pagano anche?