La ‘Cittadella’ infiamma l’ultimo Consiglio provinciale

Cittadella della Ricerca

BRINDISI – Sotto le ceneri del rogo, divampa la fiamma dell’ostilità politica. Non sono mancate le scintille nel Consiglio monotematico sulla ‘Cittadella della Ricerca’, l’ultimo della Provincia di Brindisi, convocato straordinariamente.

La relazione presentata dalla Commissione d’indagine sulla situazione economica dei bilanci della ‘Cittadella’, ha scatenato il putiferio nell’Assise brindisina.

Il contenuto esposto da Nicola Ciracì, in qualità di Presidente della Commissione bipartisan, è sembrato misero agli occhi del Presidente Ferrarese e dei gruppi consiliari Udc e ‘Noi centro’ che attendevano la segnalazione di consistenti sprechi, a partire dalle spese legate alla foresteria, per le quali la provincia vanterebbe un credito di 3 milioni di euro.

Ferrarese ha definito la ‘Cittadella’, ‘un bubbone’ per l’intero il territorio che a suo dire, probabilmente qualcuno sta cercando di coprire. “Insinuazioni fangose”, secondo l’opposizione e secondo Pd e Sel che pur essendo nella maggioranza, in questi anni hanno sempre avuto punti di vista opposti a quelli di Ferrarese.

Ed è qui che volano le accuse. Per i Consiglieri Franco e Fistetti, Ferrarese è un provocatore nato, che ha strozzato la sua creatura nella culla, con un palese riferimento al Laboratorio politico. Rincara la dose l’azzurro Nicola Ciracì, secondo il quale Ferrarese ha usato la ‘Cittadella’ per una faida interna alla sua coalizione. Ed è lo stesso Ciracì a sottolineare che,  in realtà, la relazione stilata dalla Commissione è accompagnata da 17 verbali che denunciano nei dettagli rilevanti errori nell’ambito della gestione della ‘Cittadella’.

Una risposta poco chiara per Ferrarese che in questi mesi, ha avviato per proprio conto un’indagine parallela sulla società consortile, bussando alle porte della Procura di Brindisi.

Dunque secondo Ferrarese, Urso e Argese l’opposizione non avrebbe svolto il suo ruolo, in questi anni di Consiliatura.

Termina così, con un acceso conflitto in aula, l’ultimo atto dell”era Ferrarese’. Tra insulti e offese e senza il ritiro delle dimissioni del Presidente.

L’ipotesi di mandare avanti il Consiglio e la giunta a titolo gratuito resta tale, poichè in tal senso è mancata la compattezza dell’Assise provinciale.